|
napoli 2
01 dicembre 2020, Aggiornato alle 18,54
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Italia prossima al primo rifornimento "small scale" di gas

Lo effettuerà il rigassificatore offshore FSRU Toscana, che ha ricevuto l'autorizzazione ministeriale a fare il pieno alle metaniere di piccola taglia

Il terminal offshore FSRU Toscana

Il ministero dello Sviluppo economico, di concerto con quello delle Infrastrutture e dei Trasporti e d'intesa con la Regione Toscana, ha autorizzato l'OLT Offshore LNG Toscana, la società controllata da Snam e First Sentier Investors che gestisce il Terminale "FSRU Toscana" al largo delle coste tra Livorno e Pisa, a fornire il caricamento di gas naturale liquefatto (LNG) su navi metaniere di piccola taglia. Si tratta del primo rigassificatore in grado di erogare servizi di tipo "small scale" in Italia. 

Un altro passo verso la competitività dell'OLT toscano, in Paese con un elevato tasso di crescita potenziale. In Europa, Paesi come Spagna, Francia, Belgio, Olanda e Scandinavia (questi ultimi tre in area SECA, con emissioni navali di zolfo molto più limitate del Mediterraneo) dispongono da anni di servizi small scale.

La propulsione a gas naturale liquefatto si sta diffondendo in modo particolare sulle navi ro/ro e quelle da crociera, ovvero le unità che caricano autonomamente con persone o mezzi gommati, senza richiedere gru o mezzi meccanici particolari. Il mercato crocieristico guida il settore con 12 nuovi ordini e 2 navi da crociera a gas operative nel Mare del Nord e nel Mediterraneo. In questo scenario si inserisce anche la diffusione delle navi metaniere di piccola taglia, chiamate anche "bunkerine": dalle 6 unità del 2019 si passerà a 21 unità operative entro la fine 2021 in Europa. Ricordiamo che il gas naturale liquefatto annullando quasi del tutto le emissioni di ossido di zolfo e azoto e il particolato, e riduce le emissioni di anidride carbonica. In Italia, il solo mercato terrestre dei distributori per autotrazione di GNL è passato, dal 2016 al primo semestre del 2020, da 6 a 81 distributori, confermando il Paese al primo posto a livello europeo per numero di distributori disponibili.

Tag: lng - ambiente - toscana