|
napoli 2
28 settembre 2020, Aggiornato alle 14,22
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Italia-Francia, dieci punti di convergenza sui trasporti

La ministra dei trasporti italiana, Paola De Micheli, e il segretario di Stato per i trasporti, Jean-Baptiste Djebbari, hanno tenuto un dialogo strategico sul tema

La ministra dei trasporti, Paola De Micheli (a destra), e il segretario di Stato per i trasporti, Jean-Baptiste Djebbari, nel corso del vertice di Napoli tenuto nel mese di febbraio

Dieci punti di convergenza nella cooperazione franco-italiana per il rilancio dei trasporti. Sono stati definiti dalla ministra dei trasporti italiana, Paola De Micheli, e dal segretario di Stato per i trasporti, Jean-Baptiste Djebbari, che hanno tenuto un dialogo strategico sul tema lunedì e martedì a Roma (dopo essersi incontrati già nel vertice di Napoli a febbraio), consapevoli dell'importanza di una stretta relazione franco-italiana per far avanzare l'Europa nei trasporti. Ecco i punti di convergenza:

1. Importanza di continui scambi tra i due Ministeri al fine di coordinare le misure nel trasporto transfrontaliero, anche per quanto riguarda i protocolli di sicurezza, nel contesto della crisi COVID-19, al fine di assicurare il funzionamento e l'efficienza dei trasporti.

2. La necessità di un'approvazione ambiziosa e rapida dello European Recovery Plan, che includa il sostegno ai trasporti e alle infrastrutture, agli operatori del trasporto merci e all'innovazione al fine di rispondere alle esigenze del settore e sostenere la ripresa e la resilienza economica complessiva.

3. L'importanza del "meccanismo per collegare l'Europa" (CEF) per sviluppare infrastrutture per il trasferimento modale e accelerare la transizione verso un trasporto sostenibile.

4. L'invito a sostenere il trasporto ferroviario di merci, un settore transfrontaliero per natura al centro delle sfide del Green Deal e cruciale per la competitività e l'integrazione dell'industria europea, con un meccanismo di sostegno finanziario europeo per gli operatori del trasporto ferroviario di merci per rafforzare lo shift modale.

5. La promozione di una rinnovata politica industriale europea dei trasporti, in linea con la politica industriale dell'UE, al fine di proteggere meglio le infrastrutture e gli operatori critici in un mondo globalizzato

6. La natura essenziale del sostegno all'innovazione a livello europeo per accelerare la de-carbonizzazione dei trasporti e l'importanza della promozione di carburanti alternativi.

7. La rinnovata richiesta di attuare il sistema globale di compensazione delle emissioni del trasporto aereo (CORSIA) a livello europeo dal 2021 e di articolarlo bene con il sistema di scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra (ETS).

8. Supporto per lo sviluppo di infrastrutture transfrontaliere per sviluppare il trasferimento modale dalla strada alla ferrovia e garantire allo stesso tempo fluidità nel traffico di merci.

9. Riavvio rapido della procedura di concessione per l'Autostrada Ferroviaria Alpina

10. Prossima firma della Convenzione sulla gestione della tratta ferroviaria Cuneo-Breil Ventimiglia.