|
napoli 2
18 maggio 2019, Aggiornato alle 22,40
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Armatori

Incendio a bordo della Grande Europa

L'evento è accaduto di notte al largo dell'isola di Maiorca. Il gruppo Grimaldi esprime apprezzamento per il buon esito delle operazioni di spegnimento


Una nave ro-ro del gruppo Grimaldi, la Grande Europa, è stata vittima nella notte tra martedì e mercoledì di un incendio divampato a bordo, mentre era in navigazione a circa 25 miglia da Palma di Maiorca. Costruita nel 1998 e battente bandiera italiana, l'unità di proprietà del gruppo partenopeo era partita dal porto di Salerno nel pomeriggio di lunedì 13 maggio, diretta verso lo scalo spagnolo di Valencia. A bordo vi erano 25 membri d'equipaggio ed un carico composti da 1.687 veicoli (automobili, furgoni, scavatori), per la stragrande maggioranza nuovi di zecca, e 49 container contenenti prevalentemente prodotti alimentari. 

L'allarme, rende noto la compagnia, è stato dato dall'equipaggio alle ore 00:45, causa un incendio scoppiato al ponte n° 3, il quale è stato domato definitivamente dallo stesso equipaggio dopo circa 45 minuti. Alle ore 4 un secondo incendio è stato localizzato al ponte n° 8, propagatosi al ponte n° 9, ed anche qui è prontamente intervenuto l'equipaggio con i mezzi anti-incendio di bordo. Dei due incendi, il comandante della nave ha prontamente informato le competenti autorità italiane e spagnole, nonché il quartier generale del gruppo Grimaldi a Napoli. Per motivi cautelari, alle ore 9:30 di questa mattina, 15 membri dell'equipaggio sono stati evacuati grazie all'intervento di un elicottero della Guardia Costiera Spagnola che li ha trasferiti sull'unità della Marina Spagnola Martin Posadillo.

Le operazioni di spegnimento dell'incendio sono continuate anche con l‘utilizzo di un rimorchiatore anti-incendio spagnolo. Alle ore 14 l'incendio è stato finalmente domato e la Grande Europa è stata assistita da un rimorchiatore che la sta trainando verso il porto di Palma, mentre aveva ancora i motori pienamente operativi. L'arrivo a Palma è previsto alle ore 23:00 odierne. Dalle prime indagini del gruppo Grimaldi, i due incendi sembrano essere partiti da due diversi veicoli nuovi stivati a bordo, per poi propagarsi alle altre unità vicine. 

Il vertice del gruppo partenopeo spiega in una nota di voler esprimere il proprio apprezzamento per il buon esito delle operazioni di spegnimento dell'incendio a bordo della Grande Europa. In particolare, si compiace del fatto che non vi siano state perdite di vite umane e che il rischio di danno ambientale sia stato scongiurato. Il gruppo Grimaldi coglie l'opportunità per esprimere la sua sincera gratitudine ed apprezzamento alle autorità iberiche e italiane, specialmente alla Guardia Costiera Spagnola e alla Marina Spagnola, per il loro pronto intervento ed al personale del Corpo delle Capitanerie di Porto della centrale operativa IMRCC Roma. Un particolare ringraziamento va all'equipaggio del Martin Posadillo, per aver soccorso e messo in sicurezza parte dell'equipaggio della Grande Europa.

Infine, la società armatoriale partenopea desidera ringraziare il comandante della nave e tutto l'equipaggio per la grande professionalità e senso del dovere che hanno dimostrato durante le operazioni di spegnimento ed evacuazione. A seguito dell'ennesimo caso di incendio scoppiato su veicoli trasportati da navi da carico, il gruppo Grimaldi lancia l'appello affinché siano introdotti maggiori controlli e normative più stringenti sulle modalità di trasporto via mare, non solo di unità rotabili ma anche di container. In particolare, con riferimento alle merci rotabili, Grimaldi richiede che vi siano maggiori controlli sulle batterie delle automobili, spesso causa di corto circuiti a bordo delle navi, oltre che nei terminal portuali. Inoltre, invoca la proibizione totale della presenza di effetti personali presenti nei veicoli usati, imbarcati su navi ro/ro. Infine, per quanto riguarda i container, si auspica fortemente che, in sede Imo, si renda obbligatoria la certificazione, da parte di una società di classifica, del corretto riempimento (stuffing) dei container contenenti merci pericolose.