|
napoli 2
17 gennaio 2022, Aggiornato alle 18,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

FuelEU Maritime, le preoccupazioni degli armatori sul nuovo regolamento

L'argomento è oggi al centro del Consiglio europeo dei ministri dei Trasporti


La controversa proposta FuelEU Maritime sarà discussa oggi dai ministri dei Trasporti dell'Ue in una specifica riunione del Consiglio. Lo ricorda in una nota l'organizzazione internazionale degli armatori Ecsa, che spiega come le discussioni in seno al Consiglio europeo abbiano finora rispecchiato le principali preoccupazioni del settore, ovvero le scappatoie di applicazione derivanti dall'assoggettamento al nuovo regolamento delle miscele di combustibili acquistate al di fuori dell'Ue. L'utilizzo di documenti cartacei forniti da fornitori di carburante non Ue per calcolare il risparmio di carbonio può creare un campo minato per l'applicazione delle norme. L'8 dicembre, gli armatori europei hanno presentato una nuova proposta volta ad affrontare le questioni relative all'applicazione delle norme e a promuovere la domanda di combustibili più puliti nel trasporto marittimo.

L'Ecsa, precisa Confitarma, ha pubblicato l'allegato tecnico al suo position paper sulla proposta FuelEU Maritime. Gli armatori europei propongono l'introduzione di una responsabilità condivisa tra i fornitori di carburante dell'Ue e il settore marittimo. Sia i fornitori di carburante dell'Ue che le compagnie di navigazione dovranno rispettare gli standard di carburante dell'Ue e raggiungere gli obiettivi del nuovo regolamento. I fornitori di carburante dell'Ue dovranno mettere a disposizione sul mercato carburanti più puliti e le navi dovranno acquistare questi carburanti messi a disposizione nei porti dell'Ue. I fornitori di carburante saranno responsabili della disponibilità e del rispetto dei requisiti di qualità e sicurezza per i carburanti.

"Accogliamo con favore la maggiore ambizione climatica e la flessibilità fornita nell'ambito di FuelEU Maritime per raggiungere gli obiettivi. Supportiamo anche un'analisi del ciclo di vita dei combustibili come prerequisito per ottenere risparmi di carbonio e per consentire un approccio olistico. Tuttavia, tutti questi elementi positivi verranno compromessi e FuelEU potrebbe diventare un'opportunità mancata se non si affrontano i problemi di applicazione. Pertanto, siamo lieti di vedere che l'applicazione è uno dei punti principali che i ministri dei Trasporti dell'UE discuteranno in Consiglio", ha affermato Claes Berglund, presidente dell'Ecsa.

Promuovere la domanda è fondamentale e una responsabilità condivisa tra i fornitori di carburante dell'Ue e le compagnie di navigazione garantirà l'adozione di combustibili più puliti nel trasporto marittimo e la realizzazione di reali risparmi di carbonio. Inoltre, qualsiasi reddito generato nell'ambito dell'EU ETS dovrebbe contribuire a ridurre il differenziale di prezzo tra combustibili più puliti e combustibili convenzionali. Gli armatori europei hanno costantemente chiesto l'istituzione di un fondo nell'ambito dell'EU ETS per sfruttare le entrate in modo che i combustibili più puliti diventino disponibili sul mercato. L'Ecsa accoglie con favore la proposta di Carbon Contracts for Difference nell'ambito del nuovo Fondo per l'innovazione ETS dell'Ue

"Gli armatori europei hanno proposto soluzioni praticabili che riducono le emissioni e salvaguardano la competitività dell'industria. Una responsabilità condivisa tra i fornitori di carburante dell'UE e le compagnie di navigazione affronterà le notevoli lacune nell'applicazione e stimolerà la domanda di carburanti più puliti nell'Ue. L'utilizzo dei proventi dell'ETS nell'ambito di un fondo dedicato al settore ridurrà il differenziale di prezzo e contribuirà a rendere commercialmente disponibili sul mercato combustibili più puliti", ha sottolineato Sotiris Raptis, segretario generale ad interim dell'Ecsa.

Ecsa sostiene l'introduzione di un moltiplicatore di 4 per migliorare la competitività dei combustibili più puliti nel mercato. L'uso di combustibili più puliti sarà incoraggiato e incentivato moltiplicando il loro contributo agli obiettivi di FuelEU Maritime. Gli armatori europei sostengono inoltre un pieno allineamento del regolamento sulle infrastrutture per i combustibili alternativi (AFIR) con la proposta FuelEU introducendo requisiti aggiuntivi per le infrastrutture portuali per altri tipi di combustibili più puliti come l'idrogeno e l'ammoniaca.
 

Tag: zolfo - ambiente