|
adsp napoli 1
27 settembre 2022, Aggiornato alle 18,58
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Forte ripresa dei traffici per La Spezia e Marina di Carrara

La chiusura della centrale Enel nel 2021 ha influito pesantemente sulle rinfuse solide. Tutte le altre merci, e il traffico generale, inclusi i crocieristi, segnano numeri molto positivi

Il porto di La Spezia

Rimbalzo dei traffici nel 2021 per i porti di La Spezia e Marina di Carrara. Come rende noto l'autorità di sistema portuale, con 1,37 milioni di TEU la crescita è del 17 per cento circa. Rilevante l'aumento della quota ferroviaria, pari a 370,447 TEU caricati su 8,497 treni (+11%).

In totale, il traffico è stato di 3,41 milioni di tonnellate. A calare sono le rinfuse liquide, del 54 per cento circa, pari a poco più di un milione di tonnellate. A subire di più il contraccolpo energetico è il gas naturale liquefatto (-58%), seguito dai prodotti raffinati (-47%). La chiusura della centrale Enel di La Spezia, alla fine del 2021, ha influito sulle rinfuse solide, cioè il carbone, in calo del 41 per cento circa, mentre il dato generale è negativo del 29,6 per cento.

In ripresa i crocieristi, che l'anno scorso sono stati pari a 108 mila passeggeri. Numeri lontani dal 2019 ma comunque in forte crescita (+99,7%) con 53 navi approdate tra La Spezia e Marina di Carrara. Quest'ultimo è il porto con il volume di traffico maggiore in tonnellate, pari a 2,46 milioni, in crescita del 31 per cento.

Tutti questi risultati «danno ragione alle iniziative che stiamo mettendo in campo per promuovere e sostenere la crescita del sistema portuale seguendo il dialogo tra imprese, lavoro e territori che ci permette di promuovere traffici e sostenibilità ambientale», commenta il presidente dell'Autorità di sistema portuale della Liguria Orientale, Mario Sommariva.