|
napoli 2
26 luglio 2021, Aggiornato alle 17,22
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Finnlines recupera redditività. 2020 in calo del 16 per cento

Grazie al contenimento dei costi l'ultima parte dell'anno si è chiusa in attivo. Cinque navi in costruzione

(News Oresund/Flickr)

Finnlines, compagnia marittima finlandese controllata dal gruppo italiano Grimaldi, ha fatturato nel 2020 484 milioni di euro, in calo del 16 per cento. L'EBITDA è stato di 140,8 milioni, in flessione del 17 per cento. Grazie al contenimento dei costi avviato dalla fine del primo trimestre, la redditività durante l'ultima parte dell'anno è stata positiva, pari a 69,7 milioni.

Il bilancio 2020 di Finnlines nel dettaglio

«Nonostante questi tempi eccezionali, lo shipping nel suo complesso ha garantito collegamenti di trasporto affidabili a livello globale tra i mercati e ha continuato a mantenere aperte le linee di approvvigionamento essenziali», commenta l'amministratore delegato di Finnlines, Emanuele Grimaldi, secondo il quale «è diventato evidente che i vettori come noi forniscono un'ancora di salvezza sia al settore privato che a quello pubblico in Finlandia».

Nel 2020 gli investimenti in nuove costruzioni hanno raggiunto i 500 milioni di euro. In costruzione ci sono tre navi ro-ro ibride - Finneco I, Finneco II e Finneco III - il cui programma di consegna non ha subito ritardi e dovrebbero arrivare tra novembre 2021 e aprile 2022. Inoltre, sono state ordinate due ro-pax classe "Superstar", operative nel 2023, capaci di trasportate 5,100 metri lineari di carico a 1,100 passeggeri, oppure 200 auto, 290 rimorchi o 250 camion. Sono tutte dotate di sistemi di batterie per azzerare le emissioni in porto, oltre ad altri accorgimenti per limitarle in navigazione.

L'anno scorso il volume totale di trasporto marittimo in Finlandia è stato pari a 101,3 milioni di tonnellate, circa 5 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2019. Le esportazioni sono diminuite del 5,8 per cento, pari a 50,2 milioni di tonnellate, mentre le importazioni del 4,5 per cento, pari a 45,8 milioni di tonellate.

-
credito immagine in alto