|
napoli 2
08 aprile 2020, Aggiornato alle 16,16
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1

Dogane, natanti, deleghe, strada e spedizioni. Le cinque proposte di Confetra

Al via l'iter parlamentare con le proposte normative al Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro

Un'aula del CNEL

Con l'assegnazione alle commissioni competenti di Camera e Senato, è iniziato l'iter parlamentare delle proposte di legge di Confetra all'interno del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro (CNEL).

Gli interventi di Confetra sono in tutto cinque (quattro normativi e uno contrattuale), hanno in comune la semplificazione amministrativa per velocizzare la logistica delle merci, soprattutto le verifiche e le contestazioni. Si va dalla modifica degli orari di verifica doganali alle spedizioni, passando per una delega al governo in materia, giurisprudenza del codice della strada e una modifica al contratto di spedizione.

1. Entrando nel dettaglio, la prima modifica riguarda l'articolo 1 del D. Lgs n. 374/90, con lo scopo, spiega Confetra, di «introdurre maggior armonicità e coordinamento nell'organizzazione dell'orario di lavoro per tutto il personale addetto alle operazioni di verifica»;
2. La seconda modifica prevede l'approvazione di una delega al governo per «il riordino e la semplificazione della disciplina complessiva afferente il sistema della logistica delle merci»;
3. La terza modifica interessa il comma 1 dell'art. 179 della L. 744 /75, la nota informativa unica alle autorità portuali, e riguarda il divieto di richiesta di comunicazioni già rese dai comandanti dei natanti;
4. La quarta prevede modifiche al comma 2 dell'art. 7, del d. lgs 150/ 2011, e riguarda l'indicazione del foro competente per le contestazioni avverso le notifiche di violazione del codice della strada;
5. L'ultima proposta, in fase di trasmissione alle Camere, attiene alla profilazione normativa e giuridica del contratto di spedizione. Relatore delle proposte, in questi mesi, è stato il delegato Confetra in CNEL Nereo Marcucci.

«Onoriamo il nostro ruolo istituzionale di unica organizzazione nazionale rappresentativa dell'intera filiera delle imprese logistiche. Così è da oltre trent'anni», commenta il direttore generale di Confetra, Ivano Russo. «Abbiamo fatto un gran bel lavoro - continua - per proporre al Parlamento interventi normativi specifici che agevolino la logistica e il trasporto delle merci, rendendo più competitiva l'industria italiana. In questo modo obblighiamo politicamente il decisore pubblico ad occuparsi di logistica. In un Paese normale, in questa fase storica, non ce ne sarebbe bisogno. In Italia sì». Il presidente e il vice di Confetra, Guido Nicolini e Marco Migliorelli, ringraziano il presidente e il segretario del CNEL, Tiziano Treu e Paolo Peluffo, «per aver posto la logistica tra le priorità nella programmazione delle attività dell'istituzione».

Tag: Confetra