|
Porto di Napoli
14 dicembre 2018, Aggiornato alle 15,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Damen ottiene concessione per il cantiere di Bijela

Insieme ad Adriatic Marinas trasformerà lo storico stabilimento del Montenegro in un centro di riparazione di yacht di lusso

Il sito di Bijela (La Bianca)

La società di rimorchio olandese Damen, il consorzio specializzato in yacht di lusso Adriatic Marinas e il governo del Montenegro hanno firmato un contratto per trasformare il cantiere nautico di Bijela (La Bianca), nella Boka bay, in un sito di riparazione di superyacht.

Il recente completamento di sondaggi tecnici, un accordo tra World Bank e governo montenegrino e l'avvio della bonifica del sito (che terminerà nel 2020) hanno permesso di far firmare alle parti l'accordo di concessione. I tre, infatti, sono al lavoro da sei anni al progetto di riqualificazione, dal 2012. 

Il sito darà lavoro a circa 300 persone e si trova non lontano da Herzeg Novi (Castelnuovo), città con una storica tradizione navalmeccanica alle spalle. Damen, riferisce la società, ha avviato da tempo una campagna di reclutamento del personale. Sono previsti piani per la produzione di attrezzature di sollevamento e riparazione moderne da portare in fabbrica terminati i lavori di risanamento. Il sito potrebbe essere già operativo con piccoli lavori di yachting per l'inverno dell'anno prossimo, ma per questo ci vorrà un accordo tra il governo del Montenegro e il suo appaltatore Valgo.

«Una visione a lungo termine, una solida base di clienti nella marina di Porto Montenegro e le capacità di manutenzione e riparazione del gruppo Damen contribuiranno al successo dell'impresa», commenta Rene Berkvens, amministratore delegato di Damen. «Le attuali condizioni del cantiere – aggiunge - restano difficili, tuttavia miriamo a ripristinarne la salute e ad aumentare l'occupazione». «È un esempio ideale di come il turismo e l'industria del tempo libero possano riconvertirsi nella generazione di posti di lavoro», conclude David Margason, managing director di Adriatic Marinas.