|
adsp napoli 1
18 maggio 2022, Aggiornato alle 11,37
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Crociere, quest'estate record di toccate per Brindisi e Monopoli

94 approdi complessivi. Bari sfiorerà i 200 scali tra Msc e Costa Crociere. Manfredonia e Barletta lavorano sull'attrattività degli yacht

(fritzcat/Flickr)

Nell'alta stagione estiva crocieristica di quest'anno i porti di Brindisi e Monopoli faranno il record di toccate. Il calendario non è ancora definitivo ed è probabile che se ne aggiungeranno altre ma intanto, come informa l'Autorità di sistema portuale che fa capo a Bari, nei due scali sono stati programmati 94 approdi di navi da crociera tra marzo e novembre prossimi. Considerando che Brindisi e Monopoli non sono storicamente porti di approdo per questo tipo di navi, si tratta di un risultato rilevante. Dal computo è escluso il porto di Bari, che sfiorerà le 200 toccate complessive.

Brindisi
69 approdi di navi da crociera. La stagione inizierà il 3 aprile e si concluderà il 14 novembre. Oltre alla consolidata presenza di Msc Crociere, che torna con Msc Armonia, di cui sono previste 32 toccate, ci sarà anche costa Crociere, che scalerà Brindisi con Costa Luminosa con 23 approdi. Le restanti toccate saranno effettuate da altre compagnie del settore lusso e maxy yacht, alcune delle quali si affacceranno per la prima volta in città.

Monopoli
Numeri record anche a Monopoli, il porto gioiello del Sistema dell'Adriatico meridionale. 
La presenza del terminal, costruito da AdSPMAM attraverso il progetto comunitario Themis e inaugurato lo scorso anno, oltre all'importante azione di promozione attuata dall'Ente ha lanciato definitivamente lo scalo nella rete internazionale delle piccole crociere lusso e dei maxy yacht. Sono già state schedulate, nella stagione che partirà il prossimo 28 marzo con il ritorno di Artemis e si concluderà il 31 ottobre, ben 25 approdi. 

Bari
Dopo i 200 mila crocieristi transitati nel 2021, si affaccia una nuova stagione da primato nello scalo adriatico, dove sono previste 196 toccate. Un trend di crescita esponenziale per il porto del capoluogo di Regione che, secondo la classifica di Risposte Turismo, si colloca al terzo posto della classifica nazionale, dopo Civitavecchia e Genova. Numeri che tenderanno a crescere significativamente a seguito della realizzazione del nuovo terminal sulla banchina 10, il cui cantiere, nelle intenzioni dell'ente sarà avviato nella prossima primavera.

Manfredonia e Barletta
In questi due scali si lavora al potenziamento dell'attrattività, dopo l'inaugurazione lo scorso anno di un terminal crocieristico ciascuno, realizzati nell'ambito del progetto comunitario Themis che finanzia anche altri progetti di infrastrutturazione, come l'aumento del pescaggio in entrambi i porti tramite i dragaggi e, nel porto di Barletta, il prolungamento dei moli per aumentare gli ormeggi e attrarre così anche le piccole navi lusso e i maxy yacht. A questo proposito, il 22 settembre nel porto di Manfredonia arriverà la nave extralusso Le Bougainville, della flotta Ponant, inaugurata nel 2010, uità da 127 metri di lunghezza e 92 tra cabine e suite per 180 passeggeri e 110 membri dell'equipaggio.

Leggi il calendario delle toccate 2022 del sistema portuale dell'Adriatico Meridonale

«È il primo, rilevante e inconfutabile risultato dell'azione di infrastrutturazione del porto che avevamo progettato da tempo e che finalmente abbiamo potuto avviare», commenta il presidente dell'Autorità di sistema portuale dell'Adriatico Meridionale, Ugo Patroni Griffi. «Inoltre – commenta - l'ottima sinergia intessuta con l'assessore comunale al Marketing territoriale, Emma Taveri, produrrà l'altro requisito imprescindibile, richiestoci in tutte le nostre azioni di promozione, ossia la risposta della città. Consentire ai crocieristi di vivere tour esperienziali indimenticabili sul territorio, infatti, significa legare al nostro porto le compagnie già presenti e attrarre l'attenzione di nuovi, prestigiosi protagonisti di un mercato in rapidissima espansione».

«Il dato importante, al di là del numero consistente di scali, è quello delle tante compagnie che hanno deciso di scalare il porto oltre alla scelta dei due maggiori player come Costa Crociere e MSC di effettuare approdi settimanali per tutta la stagione», commenta Teo Titi, agente di Costa Crociere in Puglia. «Si conferma – continua - la strategicità geografica del porto e la sua attrattività verso questo mercato in quanto porto baricentrico rispetto ai due maggiori sistemi turistici pugliesi: Valle d'Itria a nord e Salento a sud. Il lavoro comune di tutte le amministrazioni dovrà tenerne conto e solo con la costruzione della nuova banchina dedicata alle crociere nella ex spiaggia di Sant'Apollinare e ad un terminal crocieristico il porto potrà divenire un vero hub, oltre a quello di Venezia, di riferimento per tutto l'Adriatico».

-
credito immagine in alto