|
napoli 2
23 settembre 2020, Aggiornato alle 14,55
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Crociere, i Ligabue diventano armatori

Battezzata nei giorni scorsi a Düsseldorf la nave Lady Diletta, segnando la riapertura definitiva delle crociere fluviali in Europa

La nave Lady Diletta

Con la nave da crociera Lady Diletta, battezzata nei giorni scorsi a Düsseldorf, diventa armatore il gruppo Ligabue, centenaria azienda veneziana specializzata nell'appalto navale (di cui afferma di esserne l'inventrice) e nei servizi catering offshore. La nuova unità è una nave fluviale "quattro stelle plus" costruita dai cantieri olandesi Teamco, la più lunga unità da crociera realizzata per questi particolari itinerari fluviali europei con i suoi 135 metri di lunghezza per 173 passeggeri. Varata ad ottobre dell'anno scorso, è destinata a Plantours&Partner, operatore turistico controllato dalla Ligabue, specializzato nel mercato tedesco, acquisito nel 2006.

«Dopo i gravi problemi che a livello globale abbiamo vissuto in questi mesi - dichiara Inti Ligabue, presidente e amministratore del gruppo - guardiamo al futuro con fiducia e coraggio a partire dalla cerimonia ufficiale per il battesimo di Lady Diletta. È il momento per tutti di tornare alla vita normale e al piacere del viaggio, pur con l'attenzione, la maggior consapevolezza e il senso di responsabilità che la situazione attuale impone».

La cerimonia sancisce l'avvio definitivo della stagione crocieristica europa dopo il lockdown. Le compagnie crocieristiche più importanti sono ancora ferme, e per un tempo indefinito, per via delle restrizioni agli spostamenti internazionali delle persone. I viaggi crocieristici più praticabili in questo momento, quindi, sono quelli fluviali. La prima nave di Ligabue ad essere salpata per la prima crociera sul Reno post-Covid è stata la Sans Souci,  il 17 giugno.

Dopo l'acquisizione di Plantours&Partners, Ligabue ha ristrutturato la nave Hamburg, prima di avviare la costruzione di Lady Diletta. «In questi ultimi anni abbiamo investito ingenti capitali per rafforzare questo settore», come sottolinea Ligabue. Ligabue ha una flotta di 8 navi, di cui una di proprietà. Ma il grosso della sua attività è il catering, dove nel 2019 ha rifornito 2,5 milioni di pasti.