|
napoli 2
13 dicembre 2019, Aggiornato alle 15,54
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Armatori

Costa ribattezza neoRiviera, accordo con San Giorgio

Investimento da 50 milioni per la futura "Aidamira". I lavori a Genova a fine ottobre. A dicembre il posizionamento in Sud Africa

Ferdinando Garrè e Michael Thamm

Costa neoRiviera verrà ammodernata, riallestita e ribattezzata nei cantieri San Giorgio del Porto di Genova. Oggi, nella sede ligure di Costa Crociere, è stato ufficializzato un accordo tra Michael Thamm, amministratore delegato del gruppo Costa e Carnival Asia, e Ferdinando Garrè, amministratore delegato di San Giorgio del Porto, alla presenza del presidente dell'Autorità di sistema portuale della Liguria occidentale, Paolo Emilio Signorini, e dell'assessore all'Urbanistica del Comune genovese, Simonetta Cenci.

L'investimento complessivo della compagnia è di circa 50 milioni di euro. I lavori dureranno circa un mese e porteranno anche al cambio di nome di Costa neoRiviera che verrà ribattezzata Aidamira, marchio tedesco di Aida Cruises, entrambi a loro volta marchi di del gruppo Costa Crociere. I lavori coinvolgeranno circa mille persone, di cui circa 150 diretti del cantiere.

Costa neoRiviera concluderà la sua ultima crociera di undici notti nel Mediterraneo il 29 ottobre a Savona. Il giorno successivo la nave arriverà a Genova per iniziare i lavori, che dureranno fino al 28 novembre. Al termine delle operazioni, dal cantiere San Giorgio del Porto uscirà una nave completamente rinnovata che arriverà a Palma di Maiorca il 29 novembre per essere ribattezzata Aidamira. Disporrà di 5 ristoranti, 7 bar, un'area benessere di 1,100 m², circa 700 cabine (125 con balcone). Dopo una crociera di vernissage di 4 notti nel Mediterraneo occidentale, la nave di posizionerà in Sud Africa, offrendo crociere di 14 giorni da Città del Capo. Da maggio a settembre 2020 proporrà due diversi itinerari di una settimana, combinabili in unica crociera di 14 giorni, con partenza da Corfù: uno diretto ad Atene, Santorini, Creta, Brindisi e l'altro a Malta, Catania, Crotone, Olimpia e Cefalonia.

«L'Italia è tra le mete preferite dai nostri ospiti, con 3,2 milioni di passeggeri movimentati, cifra destinata a crescere anche grazie ad AIDAmira, che nella prossima estate farà scalo in tre porti del Sud Italia», ha detto Thamm. «Nonostante le tante difficoltà infrastrutturali che pesano ancora per un pieno sviluppo delle attività di riparazione e refitting navale, siamo onorati della fiducia riposta nel nostro know-how. La scelta di Costa non era così scontata», ha aggiunto Garrè.

Sulla base di un recente studio redatto dal gruppo, Costa ha calcolato che in Europa le sue società hanno generato un impatto economico di 12,6 miliardi di euro per 63 mila posti di lavoro. La cantieristica navale rappresenta la parte più consistente di questo impatto, per via del rinnovamento continuo della flotta. Ciascun passeggero spende una media di 74,60 euro per ogni porto visitato.