|
napoli 2
22 maggio 2020, Aggiornato alle 15,17
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Infrastrutture

Container, a Genova atteso un calo del 25% ad aprile

Dal quinto bollettino informativo sull'emergenza Covid-19, emerge che il terminal PSA è quello che ha perso il maggior numero di scali


Nel mese di marzo il porto di Genova ha registrato una diminuzione del traffico container pari al 10,3% rispetto agli stessi 31 giorni del 2019. Ma è il corrente mese di aprile a destare le maggiori preoccupazioni: la flessione attesa è di almeno il 25% a causa del mantenimento in vigore delle misure sanitarie per la limitazione della mobilità che hanno un impatto negativo sia sulle importazioni che sulle esportazioni. 

I dati sconfortanti sono contenuti nel quinto bollettino informativo sull'emergenza Covid-19, e sulle sue ripercussioni sull'attività del porto di Genova, pubblicato dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale. L'ente riferisce che lo scorso mese il container terminal gestito da PSA Genova Pra' ha perso 13 scali di navi portacontainer a causa di cancellazioni decisi dalle compagnie di navigazione o di ritardi a cui si è aggiunta la perdita di due scali dovuta alla cessazione di due servizi. Al container terminal SECH, invece, non è stata segnalata alcuna cancellazione di scali determinata dalla crisi sanitaria, mentre al Terminal San Giorgio è stata registrata una riduzione del 15% dei volumi movimentati e una riduzione degli scali. Una perdita del 30 o 40% è invece attesa a fine aprile.
 

Tag: porti - genova