|
Porto di Napoli
16 ottobre 2018, Aggiornato alle 19,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Confindustria La Spezia su Fincantieri: "Opportunità che la città non deve perdere"

L'associazione industriale è preoccupata che il richiamo ad alcune "problematiche di tipo ambientale" possa intralciare le attività dello stabilimento di Muggiano 

"E' ben noto alla città della Spezia il grosso carico di lavoro che Fincantieri garantisce al cantiere del Muggiano grazie alla sua competitività riconosciuta a livello mondiale". Lo sottolinea in un comunicato Confindustria La Spezia, preoccupata che il richiamo ad alcune "problematiche di tipo ambientale" possa intralciare le attività dello stabilimento.

"Tale carico di lavoro - prosegue la nota - frutto dell'acquisizione delle commesse per la Marina Militare Italiana, che con la Legge Navale rinnoverà completamente la flotta, e per la Marina Militare del Qatar, garantisce la piena saturazione del cantiere sino al 2025, portando lavoro anche per le tante le aziende dell'indotto del nostro territorio. A tal fine è fondamentale che  Fincantieri  abbia gli opportuni spazi  per svolgere le tutte le commesse acquisite, ed in particolare necessita dell'allargamento di una banchina all'interno del proprio cantiere".

"L'intera collettività  spezzina – dice Confindustria - deve contribuire a creare le  condizioni affinché le commesse destinate al cantiere del Muggiano siano effettivamente svolte qui, in modo che si tramutino in nuova occupazione e in creazione di ricchezza per tutto il territorio. Purtroppo rileviamo invece recenti dichiarazioni che rischiano di avere l'effetto opposto, ovvero vengono sollevate problematiche di tipo ambientale tese a mettere in dubbio l'opportunità dell'intervento".

"Confindustria La Spezia – si legge nel comunicato - è seriamente preoccupata dell'effetto che queste dichiarazioni potrebbero avere. La richiesta di Fincantieri verrà valutata da tutti gli organi competenti, i quali si esprimeranno secondo criteri tecnici e normativi a cui Fincantieri dovrà ovviamente sottostare. Ma è fondamentale che a monte di qualunque valutazione tecnica, la città veda con sostanziale favore il nuovo investimento. Dobbiamo infatti non dare niente per scontato e tenere sempre presente che la creazione di vincoli o impedimenti immotivati potrebbe indurre Fincantieri ad assumere scelte di ricollocazione delle proprie attività in altri siti, con conseguenze disastrose per la nostra economia".

"La città, che si è rallegrata del successo di Fincantieri allorquando ha acquisito la commessa della Legge Navale, con altrettanta chiarezza deve essere coerente con ciò che essa comporta. Confindustria La Spezia – conclude la nota - auspica che Fincantieri possa portare a compimento gli investimenti previsti per il potenziamento del sito produttivo del Muggiano, nei termini necessari alla produzione e nei tempi opportuni".