|
adsp napoli 1
26 febbraio 2024, Aggiornato alle 17,17
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Attacchi nel Mar Rosso, l'appello Onu: "Proteggiamo le catene di approvvigionamento"

Il Consiglio di Sicurezza dell'organizzazione internazionale ritiene necessario evitare di esacerbare le tensioni


In seguito ai numerosi attacchi lanciati contro le navi portacontainer nel Mar Rosso, alti funzionari delle Nazioni Unite hanno dichiarato al Consiglio di Sicurezza l'imperativo di salvaguardare le catene di approvvigionamento globali ed evitare di esacerbare le tensioni.

"Ci sono stati ulteriori sviluppi allarmanti nel Mar Rosso", ha osservato Khaled Khiari, segretario generale aggiunto per il Medio Oriente, l'Asia e il Pacifico presso i Dipartimenti per gli affari politici e di costruzione della pace e le operazioni di pace. Le continue minacce degli Houthi alla navigazione marittima, insieme al rischio di un'ulteriore escalation militare, potrebbero potenzialmente avere un impatto su milioni di persone nello Yemen, nella regione e nel mondo. Ricordando che le compagnie di navigazione Maersk e Hapag-Lloyd hanno interrotto le operazioni nel Mar Rosso, ha dettagliato gli effetti sulle catene di approvvigionamento globali: aumento dei costi di trasporto e tempi di consegna allungati.

A chiedere la riduzione della tensione è stato anche Arsenio Dominguez, segretario generale dell'Organizzazione marittima internazionale (IMO), che ha sottolineato l'importanza di garantire la sicurezza dei marittimi, la libertà di navigazione e la stabilità delle catene di approvvigionamento. La rotta marittima attraverso il Mar Rosso rappresenta il 15% del commercio globale e circa 18 compagnie di navigazione hanno già deciso di reindirizzare le loro navi intorno al Sud Africa per ridurre i rischi. Dominguez ha osservato che ciò richiede 10 giorni di viaggio aggiuntivi, con conseguenti tariffe di trasporto più elevate e un impatto negativo sul commercio.