|
Porto di Napoli
24 settembre 2018, Aggiornato alle 17,23
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Logistica

Area logistica campana, primo contatto

Vertice con la Regione Campania e le imprese logistiche


«Per ottenere più investimenti verso la Campania la Zona economica speciale rappresenta una delle fondamentali leve». Così l'assessore alle Attività produttive della Regione Campania, Amedeo Lepore, ha sottolineato l'importanza della creazione di una zona di incentivi economici per lo sviluppo delle aree industriali e logistiche della regione. L'occasione è stata il primo incontro con il "partenariato economico dell'area logistica integrata campana", il gruppo di imprese e operatori attivi sul territorio, o meglio nell'"Area logistica integrata", una delle cinque ampie zone del territorio nazionale (le altre sono Sicilia occidentale e orientale, Puglia e Gioia Tauro) individuate dal ministero dei Trasporti nel Piano nazionale della logistica. Sono coinvolti anche, tra gli altri, l'Agenzia per la Coesione Territoriale e Rete Ferroviaria Italiana. 

«Il nostro indirizzo per la realizzazione della Zes – continua Lepore - è stato quello di definire tutte le opportunità che potevano essere sviluppate al suo interno, andando oltre le aree depresse, oltre le opportunità concesse alle free-zones per i porti, includendo anche  incentivi ad attività che non si sostituiscano  alle imprese ma che tengano conto anche degli insediamenti produttivi. Vi sarà un'unica Zes - conclude - che racchiuderà le aree portuali  di  Napoli e di Salerno, e quelle lungo le direttrici retroportuali. Si va sviluppando un proficuo confronto con il governo per giungere in tempi ravvicinati a un provvedimento generale istitutivo delle Zes nazionali».