|
Porto di Napoli
25 settembre 2018, Aggiornato alle 16,07
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Naples Shipping
Eventi

Alis compie un anno con 1.200 associati

Il presidente Guido Grimaldi ricorda che le aziende aderenti "lavorano insieme per rimettere in moto l'Italia"


"Il 17 ottobre scorso sembrava impossibile ipotizzare i risultati raggiunti dalla nostra associazione in questo primo intenso anno di attività. Eppure oggi Alis rappresenta una realtà associativa riconosciuta e riconoscibile, a livello nazionale ed europeo". Così il presidente Guido Grimaldi (nella foto) ha commentato il primo anniversario dell'Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile che riunisce oggi, a solo un anno dalla sua fondazione, oltre 1.210 aziende associate, per un totale di oltre 125.000 unità di forza lavoro, un parco veicolare di oltre 80.000 mezzi con più di 2.700 collegamenti marittimi settimanali solo per le isole e più di 120 linee di Autostrade del Mare.

"I numeri dimostrano che migliaia di persone hanno compreso la forza rivoluzionaria di Alis e hanno scelto di partecipare attivamente a questo progetto - ha proseguito Guido Grimaldi -. Il lavoro di squadra svolto in questi mesi ci ha infatti consentito di consegnare al popolo del trasporto un messaggio chiaro per un grande progetto associativo: le solide basi su cui poggiano le nostre azioni sono le aziende associate, le realtà imprenditoriali che lavorano insieme per rimettere in moto l'Italia".

 

In questo primo anno di attività Alis si è affermata non solo geograficamente – grazie all'apertura di sedi territoriali su tutto il territorio italiano ed europeo – ma anche culturalmente, con un'incessante attività di sensibilizzazione a favore di modalità di trasporto intermodali e sostenibili.

"Oggi, al nostro primo anno di vita associativa, siamo consapevoli che il lavoro da fare per strutturare la nostra presenza nei consessi istituzionali e associativi è ancora moltissimo – ha concluso Guido Grimaldi – Ma sappiamo anche che nulla appare più impossibile perché i risultati di questa organizzazione sono i risultati dello sforzo combinato di ciascuno di noi".