|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Eventi - Logistica - Personaggi

Alberti (Fedespedi): "Subito un programma nazionale servizi 4.0"

Il presidente della Federazione lo ha chiesto durante il convegno dedicato alle nuove frontiere delle imprese di spedizione


"Subito un Programma nazionale di Servizi 4.0 per accompagnare l'innovazione, la rivoluzione digitale e gli investimenti in formazione della logistica e degli spedizionieri". Lo ha invocato a Milano Roberto Alberti, presidente di Fedespedi, durante il convegno "Le nuove frontiere delle imprese di spedizione: e.commerce, ambiente e lavoro", nel quale è intervenuto anche il presidente di Confetra, Nereo Marcucci.


Per affrontare le nuove sfide, Alberti ha lanciato la proposta di un Programma nazionale Servizi 4.0 da affiancare a Industria 4.0, per fare squadra e portare così i prodotti italiani il più efficientemente possibile a destinazione. "Noi spedizionieri, grandi e piccoli – ha detto - siamo gli ‘organizzatori del caos', coloro che gestiscono la catena logistica per far viaggiare le eccellenze del Made in Italy, la moda, il design, la meccanica e la meccatronica, l'agro-alimentare, in ogni angolo del pianeta. Creiamo valore per le imprese manifatturiere seguendo, anche fisicamente, la merce ovunque".


Ora, ha insistito, serve un salto di qualità: "Noi siamo pronti a investire in digitalizzazione e a valorizzare il capitale umano per diventare veri e propri consulenti di chi produce ma chiediamo anche che la Pubblica Amministrazione faccia altrettanto, migliorando in maniera decisa i propri servizi, anche per favorire le sinergie con gli operatori privati. Meno burocrazia, pratiche e controlli più fluidi e veloci, maggiore efficienza di Dogane, Guardia di Finanza, sanità pubblica. Insomma al nuovo governo chiediamo un Programma Servizi 4.0".


Nell'aprire i lavori, a cui hanno partecipato oltre un centinaio di operatori del settore, Matt Stone, di McKinsey and Co., ha spiegato come i trend del commerciale mondiale stiano cambiando: India e Africa diventano i principali mercati emergenti, il trasporto dei beni intermedi aumenta per effetto dell'ulteriore frammentazione dei processi produttivi, i container crescono ancora, poco però, mentre lo stampaggio in 3D decolla, ma senza intaccare troppo i volumi del trasportato. E avanzano anche nuovi modelli di business. "La digitalizzazione, i big data, l'automazione cambiano lo scenario competitivo e propongono sfide inedite agli spedizionieri, Amazon sta terremotando il mondo della logistica e invadendo ogni segmento della supply chain. Ma niente pessimismo: ci saranno più opportunità di quel che immaginiamo. Vincerà chi si focalizzerà sull'innovazione tecnologica al servizio del cliente, chi saprà ‘stupirlo'".


Il tema centrale della giornata di riflessione, suddivisa in tre sessioni, è stata la sostenibilità delle imprese di spedizione, declinata in tre accezioni: in primis sostenibilità economica, ovvero la capacità di rispondere ai nuovi canali di vendita che creano nuovi mercati e modelli di business, cogliendo le opportunità e fronteggiando le minacce e poi sostenibilità ambientale, che può diventare un elemento con cui competere nel mercato. "Non esistono consegne gratis – è stato sottolineato in diversi interventi – qualcuno che paga c'è sempre. E attenzione all'impatto sull'ambiente della moltiplicazione disordinata delle spedizioni all'utilizzatore finale".


Infine l'ultima sostenibilità, quella sociale, intesa come evoluzione della professione in risposta al salto tecnologico prodotto dalla digitalizzazione. "Più formazione per i dipendenti, più investimenti sul capitale umano per favorire la crescita professionale sono un fattore strategico – ha detto ancora il presidente Alberti – perché un'impresa di spedizioni poggia la sua competitività sulle competenze".