|
napoli 2
23 settembre 2020, Aggiornato alle 19,31
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Agosto sardo, calo passeggeri senza precedenti. Ma il trend è in progressione

Il traffico segna una flessione del 22 per cento rispetto ad agosto 2019, ma l'andamento è in ripresa, mese per mese. Deiana: "Risposta del tutto inattesa"


Continua la progressione del traffico passeggeri dei porti della Sardegna. Dopo il -96 per cento di aprile, il -89 di maggio, il – 74 di giugno e il -43 di luglio, agosto segna un -22 per cento rispetto al corrispettivo mese del 2019 (complessivamente, -39 per cento nei primi otto mesi del 2020).

Sono dati negativi, senza precedenti, ma per l'Autorità di sistema portuale sarda comunque confortanti, segnando un'inversione di tendenza cominciata alla fine di maggio con la fine del lockdown. Percentuali di traffico, spiega l'Adsp in una nota, la cui forbice, rispetto al boom del 2019, restituisce una cifra meno drammatica rispetto a quanto ipotizzato in primavera. Sono circa 320 mila, tra arrivi e partenze, i passeggeri complessivi in meno registrati negli scali di Cagliari, Olbia, Golfo Aranci e Porto Torres ad agosto: da poco più di 1 milione e 424 mila di agosto 2019 a un milione e 104 mila di quest'anno.

«Non possiamo sicuramente gioire del risultato dei traffici marittimi dei primi otto mesi di questo orribile 2020 - commenta Massimo Deiana, presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare di Sardegna – ma, allo stesso tempo, dobbiamo ritenerci soddisfatti della netta ripresa registrata nel periodo estivo. Agosto, rispetto ai timori generali del settore dello shipping, ha dato una risposta del tutto inattesa, contenendo un trend negativo senza precedenti e riportando le perdite a poco più del 22 per cento rispetto all'azzeramento totale della movimentazione al quale abbiamo assistito, impassibili, la scorsa primavera».

L'Adsp ha riferito di aver effettuato il controllo della temperatura corporea su oltre un milione di passeggeri in arrivo in Sardegna negli ultimi tre mesi, rispettando quanto prescritto negli ultimi decreti governativi.