|
Porto di Napoli
19 ottobre 2018, Aggiornato alle 10,09
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Eventi

A Napoli mostre e incontri per i 30 anni della Fondazione Mediterraneo

Si comincia il il 3 maggio al Museo della Pace-MAMT con la cerimonia dei premi internazionali assegnati per il 2018


La Fondazione Mediterraneo di Napoli celebra il suo trentennale con una serie di eventi che coinvolgeranno autorità italiane e dei Paesi del Mediterraneo, all'insegna del dialogo ma anche dell'impegno comune per risolvere le grandi questioni aperte nell'area. Le celebrazioni cominceranno il 3 maggio al Museo della Pace-MAMT con la cerimonia dei Premi Mediterranneo 2018 assegnati a Mana Saeed Al-Otaiba, principe degli Emirati Arabi Uniti e tra i più importanti poeti arabi); Mustapha Bakkouri, presidente della Regione di Casablanca e dell'agenzia marocchina per l'Energia; Khalid Bin Khalifa Al Khalifa, direttore del centro islamico mondiale ISA, in Bahrein; Dario Franceschini, ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo; al sociologo italiano Domenico De Masi; a Roberto Reggi, direttore dell'Agenzia italiana del Demanio; all'architetto Massimo Pica Ciamarra.


In questa occasione sarà inaugurata la Sala Al-Otaiba per la Poesia ed il dialogo tra le civiltà del Museo della Pace-MAMT, che raccoglie volumi, interviste e supporti multimediali sui principali poeti arabi e di altri Paesi. Il giorno dopo alla Stazione Marittima di Napoli gli ospiti internazionali, tra i quali il ministro marocchino Mohamed Kabbaj, renderanno maggio al "Totem della Pace" con le reliquie del Migrante Ignoto.

 

Subito dopo presso il Museo della Pace - MAMT ci sarà la tavola rotonda internazionale "Civilizzare l'Urbano: precondizione della legalità", che introduce alla Mostra sul tema che aprirà i battenti l'11 maggio. Il 5 maggio si parlerà invece di criminalità con il Summit del Mediterraneo sul tema "Lotta alla mafia del giorno prima in Italia e nel grande Mediterraneo", coordinato da Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Caponnetto.