|
napoli 2
13 agosto 2020, Aggiornato alle 19,36
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

A Napoli e Salerno crescono container e passeggeri nei primi nove mesi

In calo solo il segmento ro-ro nel periodo gennaio-settembre 2018. L'Authority portuale presenta il bilancio di previsione 2019


Bene la movimentazione dei container, benissimo  il traffico passeggeri e una nota negativa solo riguardo al segmento ro-ro. Si può sintetizzare con questi pochi elementi l'andamento dei primi tre trimestri del 2018 che emerge dai dati di bilancio presentati dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale,

I passeggeri

 porti di Napoli e Salerno considerati nell'insieme, durante i primi nove mesi dell'anno, in confronto con l'analogo periodo dell'anno precedente, registrano nel traffico crocieristico un +12,15%, con un totale complessivo di passeggeri di 892.058 unità rispetto alle 795.449 del 2017. Il numero dei passeggeri locali e dei traghetti mantiene la sua abituale costanza di crescita lenta ma costante, con una percentuale di aumento del 2,66% con 6.335.779 unità rispetto alle 6.171.624 del 2017.

Le merci

Il traffico contenitori registra un aumento del 4,69%, con un totale in teu di 760.579 unità rispetto alle 726.527 del 2017. Il traffico delle rinfuse liquide, presente nel solo porto di Napoli, aumenta del 5,32%, con un totale di 3.968.721 tonnellate rispetto 3.788.129 ton. Del 2017. L'unico settore che registra una flessione nei volumi, come detto, è il segmento del traffico ro–ro, con una diminuzione del 6,16% nei primi nove mesi rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente, ma comunque con un miglioramento rispetto agli otto mesi precedenti, che avevano registrato un – 7,5%.

Napoli e Salerno a confronto

L'analisi dei dati statistici, vista nell'ottica della distinzione tra i porti di Napoli e Salerno, mostra nel segmento del traffico crocieristico un aumento dell'11,47% rispetto ai primi nove mesi del 2017 nello scalo napoletano, con 822.476 passeggeri rispetto ai 737.854 del 2017; il porto di Salerno a sua volta cresce del 20,81%, con 69.582 passeggeri rispetto ai 57.595 del 2017.

Inversamente, nel traffico dei containers Napoli segna un aumento del 7,81%, con 417.668 Teu rispetto ai 387.396 Teu dei primi nove mesi del 2017, invece la crescita di Salerno è pari all'1,11% con 342.911 Teu a fronte dei 339.131 Teu del 2017. Il traffico delle rinfuse solide, invece, nel porto di Salerno continua a registrare un robusto aumento del 15,64% nel terzo trimestre del 2018, rispetto ai valori dei primi nove mesi del 2017.

Il bilancio di previsione 2019

Via libera del Comitato di Gestione al primo bilancio di previsione del 2019 unificato per i porti di Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia. I dati di previsione indicano per il 2019 un avanzo economico di 1 milione e 631 mila euro, un avanzo di amministrazione di 192 milioni e 575 mila euro, un avanzo finanziario di 99 milioni e 468 mila euro.  Per quanto riguarda il capitolo "investimenti", il totale investimenti con fondi AdSP ammonta a 9 milioni e 650 mila euro, quelli finanziati a euro 31 milioni e 557 mila euro.

Analisi e prospettive

"Abbiamo lavorato in questi mesi - precisa il presidente dell'AdSP del Mar Tirreno Centrale, Pietro Spirito – per unificare i sistemi di gestione amministrativa e contabile. In meno di un anno l'integrazione è stata realizzata, ed il documento contabile, che abbiamo approvato in Comitato di Gestione dopo il consensus dell'Organismo di Partenariato, rappresenta l'unità di gestione dei tre scali da tutti i punti di vista: entrate, spese, investimenti. Con il 2019 quest'unicità si svilupperà grazie all'ottimizzazione ed alla razionalizzazione delle nostre attività, per costruire e realizzare una strategia comune volta a potenziare il sistema portuale campano. Prevediamo di assumere almeno 5 o 6 nuovi dipendenti nelle aree demanio e ufficio tecnico. Anche l'avvio della Zona Economica Speciale della Campania, partita con la prima riunione del Comitato di Indirizzo in ottobre – conclude Spirito –, sarà un fronte di lavoro molto rilevante, per offrire alla comunità delle imprese occasioni di investimento produttive ed un sistema logistico maggiormente efficiente".

Tag: porti