|
Porto di Napoli
17 ottobre 2018, Aggiornato alle 17,08
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

11 maggio, le ragioni dello sciopero nei porti italiani

Autoproduzione, contrasto allo sciopero e autoreferenzialità della rappresentanza. I sindacati chiedono una riforma


La riforma della 84/94 è il punto di partenza. Quello che è da riformare piuttosto è l'autoproduzione e l'autoreferenzialità della rappresentanza sociale, recuperando infine le lacune che hanno portato negli ultimi tempi a una serie di infortuni sul lavoro, alcuni mortali. Saranno queste le istanze che Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti avanzeranno nei porti italiani per lo sciopero nazionale di venerdì 11 maggio.
 
Chi sciopera e per quanto tempo
• Sono previsti ritardi di ventiquattr'ore nella partenza delle navi
• Si fermano per un giorno i lavoratori e soci articoli 16, 17 e 18, i dipendenti dell'Adsp
• Si fermano per 8 ore gli amministrativi, gli operai, le biglietterie e il personale giornaliero e turistico
• Si fermano per 12 ore i servizi tecnico-nautici (ormeggio, rimorchio, battellaggio, pilotaggio).
 
«Continuiamo ad assistere – si legge in una nota congiunta - allo svilimento del ruolo di regolazione delle singole Autorità di sistema portuale (Adsp) sul mercato del lavoro, oltre a prediligere un'interpretazione autoreferenziale della rappresentanza sociale degli organismi individuati dalla legge: azioni che minano lo sviluppo economico e occupazionale dei porti e dello shipping nazionale». L'autoproduzione, spiegano i tre sindacati, va «ricondotta alle regole vigenti, valorizzando il ruolo degli Organismi consultivi su tale materia»; si denunciano «gravi violazioni procedurali a favore di terzi per contrastare il diritto di sciopero»; indispensabile «il sostegno alla legge di riforma necessaria per affrontare l'evoluzione del contesto economico e tecnologico». Lo sciopero, concludono i sindacati, «sarà effettuato garantendo le prestazioni che possano in qualche modo coinvolgere i diritti delle persone costituzionalmente tutelate, secondo le modalità stabilite all'art. 49 del Ccnl di settore e delle discipline specifiche in attuazione della Legge 146/90 e s.m.i. per il personale dei servizi tecnico-nautici».

-
Nella foto, lavoratori portuali scioperano a giugno 2017 al porto di Los Angeles
Tag: sciopero