|
napoli 2
16 ottobre 2019, Aggiornato alle 08,32
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Infrastrutture

Vado Ligure, 300 occupati nel 2020. Il piano APM Terminals-ZPMC Italia

Le due società stringono un patto vidimato dai sindacati. Le assunzioni e le prospettive del container terminal che entrerà in funzione a dicembre


Da 77 persone a oltre 300, nel giro di un anno circa, con tanto di 'certificazione' sindacale. È il nuovo piano occupazionale per Vado Ligure di Apm Terminals e ZPMC, la società che fornisce ad APM i mezzi di sollevamento che verranno impiegati sulla piattaforma attualmente in costruzione e che entrerà in servizio il 12 dicembre.

I dettagli del piano di assunzioni e degli accordi per l'occupazione firmati nei mesi scorsi sono stati spiegati mercoledì a Vado Ligure nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil e CULP. Al termine della conferenza è stato firmato un documento di integrazione degli accordi quadro sull'occupazione siglati a dicembre 2018.

La forza lavoro del terminal
Attualmente il terminal di Maersk a Vado Ligure impiega direttamente 77 persone (234 se si includono i 157 lavoratori della controllata Reefer Terminal Spa): sulla piattaforma ZPMC Italia ne impiega altri 18. Nel dicembre 2019 i lavoratori di APM Terminals e ZPMC Italia saliranno a 267, un numero che va anche oltre i 237 che erano previsti dall'accordo quadro sull'occupazione siglato del dicembre 2018. Inizialmente, va ricordato, solo una parte della banchina e dei piazzali del nuovo terminal sarà disponibile.

Dal 2020 in poi
Lo scenario sopra descritto è destinato a cambiare nel 2020, quando il completamento dei lavori sulla banchina renderà il terminal pienamente operativo. Anche l'occupazione perciò andrà crescendo: andando nel dettaglio i lavoratori complessivamente impiegati dalle due aziende saranno 277 nella prima metà dell'anno e 309 nella seconda. Infine, saranno 401 i lavoratori impiegati quando il terminal funzionerà a pieno regime.

Le gru che opereranno nel terminal di Vado: 
Gru a cavaliere (straddle carrier) destinate alla movimentazione orizzontale dei contenitori, dalla banchina del porto al piazzale e viceversa, manovrate da operatori a bordo
Gru "di piazzale" (ARMG), destinate alla movimentazione dei contenitori all'interno del piazzale, manovrate da operatori "da remoto", da una sala di controllo
Gru "di banchina" (ship to shore), destinate al carico e allo scarico dei contenitori dalla nave alla banchina del porto e viceversa, manovrate da operatori a bordo. 

Gru di piazzale e di banchina sono fornite da ZPMC, casa madre di ZPMC Italia.

Tag: porti - terminal