|
napoli 2
21 maggio 2019, Aggiornato alle 09,57
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Infrastrutture

Trieste e Shimizu, accordo per far crescere i porti

Collaborazione statistica e commerciale tra lo scalo giuliano e giapponese 


Dopo quasi un anno di negoziato - iniziato ad ottobre 2016 con i voli in Giappone del vicepresidente della Regione Friuli, Sergio Bolzonello -, il porto di Trieste e quello fluviale di Shimizu hanno avviato un piano di collaborazione. Prevede principalmente lo scambio di informazioni sulle attività portuali e armatoriali e una reciproca spinta nelle cooperazioni internazionali. Un'intesa firmata venerdì scorso da Zeno D'Agostino, presidente dell'Autorità di sistema portuale dell'Adriatico meridionale, e da una delegazione della prefettura giapponese di Shizuoka guidata dal vicegovernatore Takashi Namba.

Il traffico portuale tra Giappone e Trieste consta di 5,500 contenitori l'anno, due terzi dei quali in export dall'Italia, crescendo di quasi un terzo nell'ultimo anno. «Per sviluppare i traffici riteniamo che vadano attivati rapporti con una serie di sistemi internazionali – commenta D'Agostino -, come stiamo facendo con il porto di Shimizu ma anche con porti asiatici, africani e mediorentali». «Oggi si colgono i frutti di quell'iniziativa che ha avviato relazioni molto significative tra il Friuli Venezia Giulia e la prefettura di Shizuoka in merito a logistica e infrastrutture, nello sport come fattore turistico e nell'agroalimentare», conclude Bolzonello.