|
napoli 2
01 ottobre 2020, Aggiornato alle 16,06
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Trasporti digitali, nasce la cabina di regia di UIRNet. D'Agostino presidente

Il soggetto attuatore della Piattaforma logistica nazionale e digitale del governo si dota di uno strumento per sviluppare le nuove tecnologie destinate al trasporto e all'intermodalità

Zeno D'Agostino, presidente della cabina di regia del CdA UIRNet (Porto di Trieste/youtube)

Nasce la cabina di regia di UIRNet, il soggetto attuatore unico del ministero dei Trasporti della Piattaforma Logistica Nazionale e Digitale, il sistema di digitalizzazione e informatizzazione della rete trasportistica italiana incentivando l'intermodalità.

La nuova cabina di regia avrà il compito, si legge sul sito della società, di «coadiuvare e supportare» il Consiglio di amministrazione di UIRNet nelle attività di elaborazione e realizzazione del nuovo progetto di Piattaforma logistica digitale e nazionale. In particolare, di sviluppare la strumentazione di controllo (process control system-PCS), il FreightVillage System-FVS e il corridoio controllato doganale-CCD.

Su proposta del presidente della Unione Interporti Riuniti (UIR), Matteo Gasparato, sarà presieduta da Zeno D'Agostino, presidente dell'Autorità di sistema portuale che fa capo a Trieste e vicepresidente dell'European Sea Ports Organization. «È un manager di comprovata esperienza del settore e docente di economia del territoria, logistica e trasporto merci», commenta il presidente di UIRNet, Lorenzo Cardo. 

L'idea di una cabina di regia è stata lanciata il primo giugno scorso da Gasparato in occasione dell'assemblea dei soci di UIRNet. Ne faranno parte tutti i delegati delle confederazioni e associazioni nazionali di settore: Agenzia delle Dogane, ALIS, Anasped, Anita, Assiterminal, Assocad, Assofer, Assologistica, Assoporti, Capitanerie di Porto, Federagenti, Federtrasporto, Fedespi, Fercargo, Slala, Trasporto Unito, UIR, Unatras.

Commentando l'incarico, D'Agostino lo ritiene «fondamentale per lo sviluppo della futura logistica nazionale, e perché si presiede un tavolo composto da tutte le più rilevanti associazioni di categoria e stakeholder del settore». Nei prossimi mesi, ha concluso, «dovremo far vedere se e come la piattaforma logistica nazionale può essere una realtà in grado di portare cambiamento e innovazione non solo sulla carta». 

-
credito immagine in alto