|
adsp napoli 1
24 aprile 2024, Aggiornato alle 19,49
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Porto di Taranto, Acciaierie d'Italia riceve due gru nuove di zecca

Prime di una serie di quattro, hanno una capacità di 2 mila tonnellate l'ora e dovrebbero aumentare notevolmente il flusso di materie prime sul quarto sporgente

Una gru Liebherr lps 800 (liebherr.com)

Nel mese di febbraio è stata completata la consegna delle prime due delle quattro nuove gru LPS 800 presso l'area portuale di Taranto (quarto sporgente) gestita da Acciaierie d'Italia. Sono fornite dalla società svizzera Liebherr e aumenteranno notevolmente la capacità di movimentazione dei flussi di materie prime in arrivo. Le altre due gru dovrebbero arrivare ad aprile.

Hanno una capacità di sollevamento massima di 144 tonnellate e sono totalmente elettriche. Ciascuna è in grado di movimentare fino a 2 mila tonnellate l'ora di merce. Sono dotate di un sistema ibrido proprietario (Liebherr Pactronic) che consente di accumulare energia durante lo scarico del materiale nella tramoggia per poi riutilizzarla durante lo scarico del materiale dalla stiva della nave, migliorando le prestazioni e il consumo elettrico delle macchine, mentre sono controllate attraverso i più recenti software di nuova generazione che pone particolare attenzione ai vincoli di sicurezza, anche di tipo meteo e ambientale. Inoltre, tutte le attività di scarico delle materie prime saranno effettuate con "secchi ecologici" fino al caricamento del materiale su nastri trasportatori (a loro volta chiusi su quattro lati) diretti allo stabilimento.

«Le nuove macchine LPS 800 - spiega Acciaierie Italia - rappresentano la tecnologia più avanzata nel campo della movimentazione delle materie prime per il settore siderurgico. Per rispondere alle esigenze specifiche del Porto di Taranto e delle acciaierie, Acciaierie d'Italia ha scelto una versione ad hoc del modello LHM 800, la gru a portale più grande del portfolio Liebherr. Questo modello personalizzato consentirà all'azienda di utilizzare le piste già esistenti sul molo e di migliorare l'efficienza e la sicurezza rispetto agli attuali macchinari alimentati a gasolio installati sui carriponte mobili. Il profilo sottile, infatti, rende queste macchine più resistenti all'azione del vento, e la tecnologia Liebherr SmartGrip garantisce una migliore tenuta del materiale scaricato dalle navi, riducendo il rischio di emissioni di polvere».

-
credito immagine in alto

Tag: taranto