|
adsp napoli 1
24 giugno 2024, Aggiornato alle 19,40
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Infrastrutture

Porti di Napoli e Salerno, BPM e Sace anticipano 36 milioni a RCM Costruzioni

Un "advance payment bond" per accelerare l'avvio dei lavori su diga foranea e darsena di Levante a Napoli, Molo 3 Gennaio e di Ponente a Salerno

(TreviGroup/youtube)

All'interno dell'accordo quadro per l'affidamento dei lavori relativi alle opere finanziate dal PNRR, l'ampliamento e la riqualifica dei porti di Napoli e Salerno diventano parte di un progetto più ampio che sarà realizzato da RCM. Costruzioni, società salernitana del gruppo Rainone, con il supporto di Banco BPM, UniCredit e SACE. 

Gli interventi, del valore complessivo di circa 220 milioni, prevedono a Napoli l'esecuzione dei lavori di prolungamento e rafforzamento della Diga Duca d'Aosta, i lavori di completamento della darsena di Levante; per il porto di Salerno il consolidamento e l'adeguamento funzionale del molo di Ponente, del Molo 3 gennaio e del Molo Manfredi. RCM sarà esecutrice unica, nominata dal Consorzio Stabile Grandi Lavori, del quale la società salernitana è elemento trainante e socio di maggioranza relativa. Per ottenere l'anticipazione contrattuale necessaria ad attivare e velocizzare la realizzazione dei lavori, RCM Costruzioni ha potuto contare su advance payment bond del valore complessivo di 36 milioni di euro emesse da Banco BPM, in qualità di fronter emittente, e UniCredit in favore dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale. SACE è intervenuta con una garanzia nell'ambito dell'operatività del rilievo strategico sotto il profilo dell'attivazione dei processi produttivi e occupazionali sui progetti relativi al PNRR.

RCM Costruzioni, operativa da oltre 40 anni nel settore delle costruzioni generali, ha attuato negli ultimi 15 anni un piano strategico di sviluppo industriale finalizzato alla specializzazione nella realizzazione di opere marittime, che le ha consentito, ad oggi, di raggiungere una posizione di assoluto privilegio nel ranking nazionale del settore delle grandi infrastrutture portuali e di affermare la propria leadership, con l'acquisizione sull'intero territorio nazionale di commesse per oltre 2 miliardi. Nei porti italiani RCM è attualmente impegnata nella costruzione di grandi infrastrutture come: un hub portuale nel porto di Ravenna, un mega bacino a Sestri Ponente, dragaggi nel porto di Trapani; il consolidamento della diga del Porto di Catania; l'adeguamento e messa in sicurezza statica delle banchine Vittorio Veneto sud e Santa Lucia sud nel porto di Palermo, nonché della banchina sud del molo Piave; la realizzazione di un nuovo terminal ro-ro nell'avamporto Ovest del porto canale di Cagliari; un nuovo molo crociere di La Spezia; la nuova diga foranea a protezione del porto fuori rada di Taranto - Tratto di Ponente; il prolungamento banchina n. 13 - 2° lotto nel porto di Civitavecchia; nuovo accesso al bacino storico (II lotto OO.SS) e collegamento con Antemurale (II lotto OO.SS) nel porto di Civitavecchia; i lavori di banchinamento e recupero funzionale dei piazzali della colmata di capo bianco nel porto di Brindisi; i lavori di banchinamento parziale del terminal Noghere (Fase I secondo il PRP 2016), comprensivo di dragaggio del canale di servizio e di collegamento alla viabilità nel porto di Trieste e, infine, la realizzazione del Molo VII, sempre nel porto di Trieste.

-
credito immagine in alto

Tag: napoli - salerno