|
napoli 2
25 settembre 2021, Aggiornato alle 08,53
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

PNRR, 120 milioni al porto di Civitavecchia

Serviranno per realizzare un ponte sull'antemurale, prolungare la sua banchina, aprire la bocca Sud e installare il cold ironing

Uno scorcio del porto di Civitavecchia (Andres Alvarado/Flickr)

Dal Fondo complementare al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza arrivano 120 milioni di euro per il porto di Civitavecchia. Risorse, stanziate dal ministero delle Infrastrutture, che verranno utilizzate per una serie di interventi. 

Circa 10 milioni serviranno per realizzare il ponte di collegamento con l'antemurale; 26,6 milioni per il secondo lotto di prolungamento della banchina 13 dell'antemurale; 43,2 milioni per l'apertura della bocca a Sud dello scalo, con il nuovo accesso al bacino storico, e infine 40 milioni per il cold ironing, l'elettrificazione di alcune banchine per alimentare le navi in sosta permettendo di spegnere i motori e ridurre le emissioni.  

Fondi di fatto non ancora sbloccati, mancano ancora una serie di passaggi burocratici, ma comunque si tratta di un risultato positivo» per il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centro Settentrionale, Pino Musolino, «che insieme ai 69 milioni di euro già ottenuti per l'ultimo miglio ferroviario ci consentirà di avere le risorse necessarie per effettuare una vera e propria trasformazione del porto, che inciderà profondamente e positivamente anche sulla città e il territorio circostante. Con questi interventi andremo infatti a gettare le basi per programmare quello che potranno diventare Civitavecchia ed il territorio nel futuro, sia per quanto concerne i flussi turistici che per l'organizzazione della logistica a supporto dei nuovi traffici portuali. Il tutto in un disegno complessivo di crescita e sviluppo sostenibile del porto, e più in generale di tutta l'area che gravita attorno a Civitavecchia e all'alto Lazio». 

-
credito immagine in alto