|
napoli 2
24 settembre 2020, Aggiornato alle 20,12
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

In Sicilia stop ai collegamenti ordinari. Garantito il trasporto merci

Analogamente alle misure prese per la Sardegna, un decreto del Mit stabilisce la sospensione dei collegamenti passeggeri (consentiti solo per improrogabili esigenze)

Lo stretto di Sicilia

A seguito della richiesta pervenuta ieri sera da parte della Regione Sicilia, la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha firmato stanotte il decreto che prevede la sospensione dei collegamenti e dei trasporti ordinari delle persone da e per la Sicilia. Resta regolare, com'è per la Sardegna, il trasporto merci.

L'obiettivo del decreto, spiega una nota del MIT, «è quello di contrastare il diffondersi dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, limitando al massimo il rischio di possibili fonti di contagio provenienti dall'esterno della Sicilia».

Le persone possono viaggiare su navi adibite al trasporto merci esclusivamente per dimostrate ed improrogabili esigenze, previa autorizzazione del presidente della Regione, le stesse misure adottate per la Sardegna. Sono consentiti gli spostamenti via mare per i passeggeri da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria e viceversa, per comprovate esigenze di lavoro, di salute o per situazioni di necessità. Discorso analogo per il trasporto aereo delle persone, da e verso la Sicilia, assicurato soltanto per improrogabili esigenze di connessione territoriale con la penisola, esclusivamente presso gli aeroporti di Palermo e Catania, mediante due voli A/R Roma-Catania e due voli A/R Roma-Palermo, uno meridiano e l'altro antimeridiano, con sospensione di tutti gli altri voli compresi quelli internazionali.

Per quanto riguarda i collegamenti ferroviari verso la Sicilia, si ricorda che quelli notturni a lunga percorrenza sono sospesi, in tutta la nazione, e per diurni è previsto il mantenimento dei collegamenti minimi essenziali mediante un treno giorno intercity Roma/Palermo e viceversa. Sono soppressi, infine, i servizi automobilistici interregionali.