|
Porto di Napoli
18 settembre 2018, Aggiornato alle 16,23
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Infrastrutture

Il porto di Venezia annuncia due nuovi servizi

A maggio l'apertura del traffico autoveicoli e la ripresa del servizio Far East di Ocean Alliance 


Presente alla fiera internazionale Break Bulk Europe di Anversa, il porto di Venezia annuncia l'attivazione da maggio 2017 di due nuovi servizi marittimi, entrambi di rilevante importanza per lo sviluppo dello scalo veneto.

Il primo, segna l'apertura di un nuovo comparto di traffico, quello degli autoveicoli. A darne l'annuncio, Peter Menzel, direttore commerciale di Neptune Lines, compagnia leader nella logistica degli autoveicoli, il cui core business si concentra su Mediterraneo e Mar Nero, servendo oltre 20 mercati e 30 porti chiave in quest'area. Dopo aver chiuso un progetto con Ford Germania, Neptune Lines inizierà il suo rapporto con Venezia aggiungendo lo scalo al Venice Ro-Port Mos terminal al suo servizio settimanale "Adriarico". Peter Mentzel ha dichiarato "Siamo entusiasti di iniziare a lavorare con il porto di Venezia potendo contare su un terminal specializzato e dedicato come quello Ro-Ro di Fusina e siamo convinti che sarà un successo anche grazie alla collaborazione con il nostro rappresentante locale, Tositti group". Inoltre Neptune Lines può offrire la possibilità di collegamenti veloci diretti tra Italia, Turchia e Grecia, tramite il suo hub del Pireo verso Israele, Egitto, Libano, Algeria, Tunisia, Marocco e Mar Nero per tutti i tipi spedizioni nel comparto.

Il secondo servizio è un "grande ritorno": a maggio 2017 torna infatti il servizio diretto col Far East operato dalla Ocean Alliance, sospeso nei mesi invernali per un calo strutturale della domanda e oggi ripristinato confermando Venezia e l'Adriatico quale terminale marittimo della Via della Seta del XXI° secolo.  Il servizio diretto della Ocean Alliance (comporta dalle compagnie China Cosco Shipping, Evergreen Line, Cma Cgm, e Oocl) inizierà con la nave MN APL Oregon in arrivo il 10 maggio presso il terminal Vecon di Venezia e, come confermato dalle compagnie, il servizio consentirà di sviluppare in particolare il traffico Break Bulk (trasformatori, serbatoi, yatch, ecc ) con l'obiettivo di movimentare circa 2000-2500 teu a nave tra import ed export. Le 10 navi utilizzate per il servizio sono da 6500-6800 teu.

Foto: la presentazione dei due nuovi servizi durante il Break Bulk Europe di Anversa

Torna su