|
napoli 2
03 luglio 2020, Aggiornato alle 18,22
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Personaggi

Governo verso il rinnovo delle agenzie fiscali

Il Consiglio dei ministri ha indicato i tre nomi e domani la Conferenza Stato-Regioni dovrebbe confermarli. Ruffini torna alle Entrate, Minenna va alle Dogane e Agostini al Demanio

Marcello Minenna, Ernesto Maria Ruffini e Antonio Agostini

Si va verso il rinnovo dei dirigenti delle tre agenzie fiscali italiane, quella delle Entrate, delle Dogane e del Demanio. Oggi il Consiglio dei ministri ha indicato i nuovi nomi. Incarichi non ancora operativi perché ci vuole prima l'ok della Conferenza Stato-Regioni, già convocata per domani, dopodiché a quel punto il Consiglio dei ministri potrà emettere il decreto. 

Se non ci saranno stravolgimenti dell'ultim'ora, molto difficili, all'Agenzia delle Entrate ritorna Ernesto Maria Ruffini, già a capo dell'ente durante il governo Renzi e Gentiloni (in precedenza era stato a capo di Equitalia). All'Agenzia delle Dogane il nuovo presidente indicato dal governo è Marcello Minenna, ex assessore al bilancio del Comune di Roma. Infine, Antonio Agostini, funzionario del governo, è stato indicato all'Agenzia del Demanio.

Minenna e Agostini si invertono i ruoli rispetto a quanto previsto dalle stesse dialettiche interne pre-nomina: era Minenna che sarebbe dovuto andare al Demanio, e Agostini alle Dogane.

Le agenzie fiscali italiane godono di autonomia di bilancio e di organizzazione della struttura. Sono coordinate dal ministero dell'Economia con il quale stipulano convenzioni che regolano di volta in volta servizi, obiettivi e risorse.

Tag: nomine