|
adsp napoli 1
21 febbraio 2024, Aggiornato alle 12,42
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura

Fino al 20 maggio al via Italian Port Days

La rassegna di quest'anno della cultura e dell'economia dei porti italiani sarà dedicata all'inclusione. Tanti gli eventi programmati


Nella Giornata nazionale del mare è partita la prima sessione di Italian Port Days - Opening port life and culture to people, la rassegna organizzata da Assoporti per promuovere le attività portuale e l'economia legata al mare. Il progetto giunge alla quinta edizione e per la prima volta è stata divisa in due sessioni per via dei tanti eventi programmati dalle autorità di sistema portuale italiane, che in autonomia organizzano ciascuna i propri eventi nei porti che gestiscono. 

Il tema dell'edizione 2023 riguarda l'inclusione e l'accessibilità, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Nella sessione autunnale si celebrerà anche l'anniversario del "Patto per la parità di genere", un'iniziativa di circa un anno fa delle autorità portuali italiani per promuovere una maggiore inclusione femminile nell'amministrazione. 

Durante il periodo dedicato, che per questa prima sessione terminerà con la giornata internazionale del mare il 20 maggio, nei vari porti si terranno eventi, webinar, mostre e tanto altro ancora per far conoscere quanto possibile le attività portuali alle persone che vivono intorno agli scali. Sull'argomento, il presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri, ricorda come «l'obiettivo di Italian Port Days, fortemente voluto dalle autorità portuali,  è quello di incentivare una migliore integrazione tra aree portuali e comunità. La necessità sempre più importante e urgente per i porti di far conoscere le proprie attività, creando un dialogo con il territorio e consentendo alle persone di prendere coscienza delle loro attività, rende il rapporto porto-città sempre più attuale in termini di strategia istituzionale e di comunicazione e promozione. Come Assoporti, riteniamo che occorrerà sempre di più dedicarsi a questo tema, perché lo sviluppo di un porto deve avvenire con la condivisione delle comunità. Si tratta di un'attività complessa e variegata che nei principali porti europei viene affrontata ormai da tempo. Il tema riguarda delle competenze trasversali che stiamo mettendo a sistema nei nostri porti. In questo contesto, quest'anno l'iniziativa si svolge in due sessioni, questa primaverile e un'altra in autunno di cui daremo ulteriore notizia in seguito. Come Associazione stiamo lanciando nuove attività su questo tema che intendiamo integrare con IPD che è oramai la casa per i temi connessi ai rapporti tra porti e territori».

Tag: assoporti