|
adsp napoli 1
21 giugno 2024, Aggiornato alle 16,03
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Personaggi

Carlo Luzzatto amministratore delegato del Rina

FII entra col 30%. Dopo vent'anni, Salerno lascia il timone per gestire i rapporti istituzionali di uno dei più grandi gruppi ingegneristici del mondo, pronto a quotarsi in Borsa in cinque anni

Carlo Luzzatto, nuovo amministratore delegato del Rina

È stato finalizzato oggi l'ingresso di Fondo Italiano d'Investimento nella compagine societaria di Rina, dopo l'accordo raggiunto ad agosto scorso. L'operazione prevede un'iniezione di capitali fino a 180 milioni di euro sotto forma di equity e una ripartizione delle quote che vede Registro Italiano Navale mantenere la maggioranza, Fondo Italiano d'Investimento (FII) e un pool di co-investitori rilevare una quota di minoranza fino al 33 per cento e il management aziendale partecipare al capitale con circa il 3,5 per cento.

Contestualmente, si è insediato il nuovo consiglio di amministrazione di Rina SpA, che ha nominato Carlo Luzzatto amministratore delegato e direttore generale della società. Ugo Salerno rimane in carica come presidente esecutivo - dopo aver guidato per oltre vent'anni il Rina come amministratore delegato - con deleghe alla comunicazione e alle relazioni istituzionali. Sono tutte mosse finalizzate a riorganizzare il gruppo anche in vista di un ingresso in Borsa nell'arco di cinque anni. 

Ingegnere formatosi nelle migliori business school del mondo, Luzzatto vanta oltre trent'anni di esperienza nei settori dell'energia, dell'aerospazio e delle infrastrutture. Nel corso della sua carriera ha ricoperto ruoli apicali - in Italia e all'estero - in aziende pubbliche e private quali General Electric, Ansaldo Energia, Chromalloy e Impresa Pizzarotti.

Il consiglio di amministrazione di Rina è ora così composto: Nazareno Cerni, Aldo Di Bernardo, Gianpaolo Di Dio, Simonetta Di Pippo, Emanuele Grimaldi, Carlo Luzzatto, Roberto Martinoli, Paolo Pierantoni e Ugo Salerno.

Rinaè stata affiancata in questo accordo da Lazard in qualità di financial advisor, da Banca Akros come co-financial advisor, da PwC (financial due diligence) e da Linklaters e Studio Legale Gattai, Minoli, Partners in qualità di legal advisor. Fondo Italiano d'Investimento è stato affiancato in questo accordo da Legance in qualità di legal advisor, BCG (business due diligence), New Deal Advisors (financial due diligence), Kpmg (tax due diligence), ERM (ESG due diligence), Marsh (Insurance due diligence) ed E&Y Parthenon (tech due diligence).

Commentando l'operazione, Davide Bertone, amministratore delegato di Fondo Italiano d'Investimento, ha parlato «di una fase di ulteriore crescita ed evoluzione di Rina, che sempre più giocherà un ruolo da protagonista internazionale nell'ingegneria e nella certificazione di molti settori che sono alla base delle transizioni tecnologiche in atto». Per Ugo Salerno «Rina è un'azienda che nella sua storia, soprattutto quella recente, ha saputo cambiare continuamente, diversificando le linee di business e raggiungendo i mercati internazionali. Così facendo la società ha allargato i suoi orizzonti e, in poco più di vent'anni è cresciuta esponenzialmente sia in termini di dipendenti sia di fatturato. Sono sicuro che la fase appena avviata ci aprirà a nuove sfide, consentendoci di raggiungere livelli di eccellenza ancora più elevati, e che Carlo Luzzatto sia la persona giusta per portare avanti questo piano. Oggi completiamo un'operazione che abbiamo iniziato con Davide Bertone e Fondo Italiano d'Investimento, con cui fin dal principio la sintonia è stata totale». Sulla stessa linea anche i commenti di Luzzatto e Paolo d'Amico, presidente del Registro Italiano Navale.

Tag: rina - nomine