|
adsp napoli 1
20 aprile 2024, Aggiornato alle 20,22
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Personaggi

Addio a Cecilia Battistello, la prima donna dello shipping

Prima presidente donna di una conference marittima e figura storica del gruppo Contship, scompare all'età di 73 anni

Cecilia Eckelmann Battistello (facebook.com/GalataMuseodelMare)

È scomparsa all'età di 73 anni Cecilia Eckelmann Battistello, una delle figure più importanti dello shipping italiano, storica presidente e amministratrice delegata del gruppo Contship Italia. Figura fondamentale della portualità italiana e internazionale, è stata una delle poche donne manager in un settore a prevalenza maschile, almeno nei posti dirigenziali. Tra il 1994 e il 1998 è stata la prima donna a presiedere una delle più antiche conference marittime, quella tra Inghilterra, India, Pakistan e Bangladesh.

Nata il 13 aprile 1950 a Vicenza, ha iniziato a lavorare in ambito marittimo in Svizzera come rappresentante commerciale di Contship Containerlines, società di cui è stata presidente e amministratrice delegata tra il 1996 e il 1998. Contship è una società fondata da un'altra figura storica dello shipping, Angelo Ravano, uno degli operatori chiave per la nascita del porto di trasbordo di Gioia Tauro. Nel 1996 ha sposato Thomas Eckelmann, proprietario del gruppo terminalistico Eurokai-Eurogate, di cui oggi Contship Italia ne fa parte. Nel 1998, dopo la vendita di Contship Containerlines, diventa presidente del gruppo Contship Italia. Dal 2005 al 2010 è stata presidente di Ferport, la federazione europea degli operatori portuali.

«Contship Italia, il Consiglio di Amministrazione e tutti i dipendenti del gruppo esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia per questa enorme perdita», scrive in una nota il gruppo Contship Italia. «Con Lei esce di scena un'Imprenditrice visionaria, appassionata che ha guidato con coraggio e lungimiranza la crescita internazionale del Gruppo Contship, influenzando il settore dello shipping a livello globale. Lascia un grande vuoto, colmato dal ricordo della sua leadership e della dedizione verso l'azienda e le sue persone. Cecilia  rappresenta la nostra storia e tradizione, e la sua eredità ci guiderà nel perseguire l'eccellenza nel nostro lavoro».

«Avevo conosciuto Cecilia Battistello circa trent'anni fa, agli albori del porto di Gioia Tauro. Un progetto visionario che prendeva le mosse in un ambiente molto difficile», commenta il presidente del sistema portuale di La Spezia, Mario Sommariva, scalo dove il gruppo Contship gestisce il La Spezia Container Terminal. «Ricoprivamo ruoli diversi – continua - ma l'intesa sull'obiettivo dello sviluppo dello scalo fu rapidamente trovata. Nacque una reciproca fiducia che è durata fino ai nostri giorni, giungendo ad una fine per me improvvisa e sorprendente. L'antico rapporto di fiducia si era consolidato da quando avevo assunto il ruolo di Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale. Trovammo un'intesa su un nuovo piano di investimenti e su una prospettiva sicura per il futuro del porto della Spezia. Era una donna decisa e piena di energia e quando nel rapporto vedeva piena lealtà e fiducia, era possibile superare anche gli scogli più difficili. Era stata lei, per molti anni, l'anima di questo porto, che oggi va incontro a nuove avventure e deve percorrere nuove strade, facendo a meno della sua carica e della sua visione. Un mondo difficile ed in pieno cambiamento, ma nel quale La Spezia può giocare ancora un ruolo innovativo e fondamentale. Dobbiamo a Cecilia di portare avanti il futuro di questo porto, trasformare i progetti in realtà, fare vivere e prosperare questa creatura a cui lei aveva dato moltissimo, con la forza ed il coraggio che solo le donne riescono ad esprimere».

-
credito immagine in alto

Tag: lutto