|
napoli 2
21 maggio 2019, Aggiornato alle 09,57
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Armatori

Laurea per ufficiali di coperta e macchina? "Molta teoria e poca pratica"

Un insegnante dell'accademia fa il punto sulla formazione di settore in Italia


di Sandro StefaniDL News

Ho letto del percorso di laurea professionalizzante per gli ufficiali di coperta e macchina che sarà organizzato dalle Università di Genova e Napoli. Personalmente sono a favore di tutto ciò che ha a che vedere con l'innalzamento delle competenze professionali. Il mestiere dell'ufficiale è cambiato e lo sarà sempre di più soprattutto per effetto di questo fenomeno della digitalizzazione che altro non è se non la punta dell'iceberg di quella che sarà una trasformazione epocale del mondo dello shipping (e, con rammarico, da italiano vedo la quasi totale assenza della nostra industria). 

La preparazione che offre l'Istituto Nautico è sicuramente inadeguata per motivi che conosciamo benissimo. Ma, francamente, ho qualche dubbio che l'Università o, meglio ancora, il suo corpo docente, che ha sicuramente punte di eccellenza, abbia le competenze necessarie per insegnare ad un macchinista o ad un ufficiale come si "gestisce" una nave. Rischiamo a mio parere il solito pastrocchio all'italiana creando una categoria di professionisti imbottiti di tanta teoria ma nessuna pratica. 

Questo con buona pace per l'amico Massimo Figari che, nella più fedele interpretazione del concetto del "Cicero pro domo sua", esalta le qualità della formazione offerta dalle Università e pone gli ITS (ovvero l'Accademia) su un gradino inferiore. Ho il piacere di insegnare all'Accademia dove mi trovo in compagnia di fior di colleghi che hanno esperienze ultra decennali in quello che è il cosiddetto "mondo reale" piuttosto che accademico. 

Posso garantire che il livello di preparazione degli allievi è di valore assoluto e questo viene riconosciuto. Altra considerazione e di carattere molto più spicciolo riguarda l'aspetto professionale. Quale sarà la reazione degli ufficiali che ricoprono ruoli direttivi e non sono però laureati quando gli si presenterà un giovane ufficiale fresco di laurea al primo imbarco? Ai posteri l'ardua sentenza…